ES Magazine

Le fiere

Economia del mare in crescita: il ruolo delle esportazioni

20/09/2022

L’economia del mare in tutte le sue declinazioni: dinamiche, tendenze, riforme, governance, mobilità e sostenibilità, turismo nautico, autonomia nazionale ed europea, prospettive di sviluppo. Lo scorso maggio, a Roma, Confindustria ha presentato “Progetto Mare”, il rapporto strategico delle proposte, le analisi e gli approfondimenti sul tema dell’economia del mare del sistema Confindustria.

L’Economia del Mare si è infatti guadagnata un ruolo molto rilevante all’interno dei progetti di rilancio economico avviati per il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Una strategia, quella del “Progetto Mare”, che ha visto coinvolti i vertici di tutte le rappresentanze del cluster marittimo-portuale di Confindustria: Confitarma, Assonave, Confindustria Nautica (che organizza a Genova la fiera Salone Nautico), Federpesca, Federtrasporto, Assiterminal, Assomarinas, Unem, Federchimica – Assogasliquidi, Anita, Unione Industriali di Napoli, Assolombarda e Confindustria Lombardia.

Tra i temi salienti portati in superficie si trovano quelli della Nautica 4.0 e del posizionamento strategico del Salone Nautico di Genova, manifestazione organizzata proprio dall’associazione.

Per quanto riguarda il tema del 4.0, il vice presidente di Confindustria Nautica, Andrea Razeto sostiene che “Una delle componenti più importanti è quella dell’innovazione, attraverso l’utilizzo di materiali innovativi e legati alla sostenibilità. La clientela oggi è molto più esigente e chiede imbarcazioni sempre più tecnologiche”.

Per il Salone Nautico di Genova, risulta chiaro che esso “è uno strumento strategico di politica industriale e di internazionalizzazione per le nostre aziende e va valorizzato sempre di più. È l’evento di settore più importante del Mediteranno, con i maggiori spazi espositivi in acqua. Inoltre è in corso una trasformazione del quartiere espositivo, grazie anche agli investimenti pubblico-privati, nell’ambito del progetto di Renzo Piano per il Waterfront genovese. Nel 2023 avremo un Salone completamente rinnovato. I contributi ricevuti, seppur esigui, rischiano di essere polverizzati; andrebbe sostenuta la denominazione internazionale del Salone Nautico in maniera ancora più importante, ottimizzando le risorse disponibili senza polverizzarle per eventi locali. Nel 2007/2008 avevamo il 50% del valore assoluto di export. Adesso l’export è cresciuto ed è pari all’76%. Su questi numeri, il Salone Nautico ha giocato un ruolo importante”.

E come l’anno scorso, anche nell’edizione 2022 tra gli espositori della rassegna ci sarà Emiliana Serbatoi, presso lo stand YC01 nell’area Power Village. Saremo presenti con le soluzioni più affidabili per chi si muove sull’acqua con ogni tipologia di imbarcazione, dagli yacht alle moto d’acqua, e ha necessità di trasportare carburante per rifornire i mezzi da diporto in maniera sicura e veloce, grazie a serbatoi mobili come Emilcaddy®, Carrytank® e Traspo® che vantano le omologazioni internazionali per il trasporto stradale e marittimo di carburanti.

Condividi linkedin share facebook share twitter share whatsapp share
Questo magazine non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza rispettare principi di periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi delle leggi 47/1948 e 62/2001 e successivi aggiornamenti
Sigla.com - Internet Partner